mercoledì 8 febbraio 2017

Anna Rita Barbieri : "Recensione di Maurizio Messori"



La letteratura e la pittura sono il rovescio della stessa medaglia, quella che brilla al sole della sensibilità. 
Spesso della solitudine. Una ha bisogno dell'altra per poter esprimere tutto il potenziale d'amore che racchiudono, generandosi vicendevolmente per poi trarre linfa per osmosi. 
Chi le frequenta è spirito eletto, espressione di un vivere pesantemente lieve nell'udire la dissonanza che il mondo d'oggi regala suo malgrado. Ma occorre procedere, quando la rima si fa alta e il pennello è espressione del cuore che lo agita, che gli dà vita. 
Letteratura e pittura scrivevo, tanto simili nell'esprimere sentimenti nobili, aulici, di sentito umore che si tramuta in respiro lieve e duraturo. 
Complementari e tragicamente abbracciate in vincolo indissolubile che resiste oltre l'esistenza perchè ne fa parte liberandosi, tuttavia, da essa ascendendo al limbo che le custodisce. Per sempre. Son sicuro che questo pensi Anna Rita quando tramuta i suoi dipinti nella sua così complicata e meravigliosa anima. 

Maurizio Messori